Alle porte di Paestum ci siamo seduti alla tavola di Nonna Sceppa, uno dei ristoranti storici del nostro territorio.

Proprio lungo la SP 175, magari dopo una visita all’area archeologica di Paestum che si trova a poco più di 4 km di distanza, vi invitiamo a fare una sosta interamente dedicata al gusto.

Il menu è ampio e offre una vasta scelta a partire dalle carni, provenienti da allevamenti della stessa famiglia che aprì le porte della taverna “il gelso d’oro” poi diventato negli anni Nonna Sceppa, perché qui il passaparola è più forte delle insegne!

Ci siamo accomodati su un terrazzino e abbiamo dato il via alla nostra esperienza culinaria affidandoci ai piatti forti della casa.
Partiamo con il misto di fritti nel quale abbiamo assaporato pizze fritte, crocchè di patate e di melanzane, zeppoline di zucchine e di ricotta e dei fiori di zucca giganti ripieni di dolcissimo prosciutto crudo.

Incuriositi dagli antipasti del menu abbiamo fatto una piccola aggiunta all’ordinazione cedendo alla tentazione di un crostone di salmone adagiato sulla mozzarella e di una buonissima polpetta di melanzane. Ne è valsa la pena!

cof

Sempre più convinti che Nonna Sceppa non deluda mai siamo passati ai primi assaggiando le linguine all’astice e i ravioli di ricotta.

L’abbondanza del ripieno ed il gusto della ricotta caratterizzano questo piatto lasciando in bocca una sensazione fantastica ed il gusto inconfondibile dei prodotti del territorio.

Se il mare è stato clemente nei giorni precedenti alla vostra visita come fortunatamente è successo a noi, un grande classico che proprio non può mancare è il rombo gratinato con patate. Sembrerebbe una preparazione semplice e senza pretese ma la peculiarità di Nonna Sceppa è proprio quella di rendere speciali anche le ricette più semplici. Le carni del rombo sono morbide e allo stesso tempo risultano croccanti grazie alla leggerissima panatura, per non parlare delle patate che, se possibile, sono ancora più buone del rombo.

 

Abbiamo terminato il nostro pranzo con un mostro sacro della proposta gastronomica di questo ristorante: la zuppetta di babà affogato da crema chantilly e racchiusa tra due cialde di pasta sfoglia.

Da nonna Sceppa ci sono i profumi, gli arredi, i sapori degli anni ottanta e a noi piacciono tanto. E’ un porto sicuro per chi vuole ritrovare la semplicità di un tempo.